Che cos’è il Pap Test?

Il ginecologo esegue il Pap test. L’esame prevede il prelievo di alcune cellule dal collo dell’utero al fine di individuare le displasie, chiamate anche mutazioni cellulari, che hanno la possibilità di trasformarsi in cellule tumorali.
È possibile effettuare il Pap test contemporaneamente a una visita ginecologica di routine, utilizzando uno spazzolino (Cytobrush) e una spatola (spatola di Ayre). Successivamente le cellule prelevate, poste su un vetrino, sono esaminate in laboratorio.

A cosa serve il Pap Test?

Il Pap test, attualmente, è utilizzato per identificare il tumore del collo dell’utero e i medici consigliano a tutte le donne di fare questo esame, dall’inizio della loro attività sessuale fino all’età avanzata. È un esame importante per l’eventuale diagnosi di processi infettivi e/o infiammatori, malattie neoplastiche o displastiche.

Cosa devo sapere prima di effettuare il Pap Test?

È possibile effettuare l’esame solo privatamente. La prescrizione di un medico specialista è consigliabile, ma non obbligatoria.

Quali sono le norme di preparazione ai fini dell’esecuzione del Pap Test?

Dalla sera precedente il Pap test, è opportuno non effettuare lavande vaginali e l’uso interno di prodotti per l’igiene intima.
Durante il periodo mestruale, l’esame non può essere effettuato.
È consigliabile evitare rapporti sessuali nelle 24h precedenti l’esame per ottenere un esaustivo risultato.

L’esame ha una durata di circa 10 minuti.